Ricetta Uova e Asparagi

ricetta-uova-asparagi-2

Uova e asparagi. Una ricetta che arriva da molto lontano. L’immagine e il ricordo che ho di questa ricetta sono legati alla cucina della mia carissima nonna. Quando ero più piccola, tra Aprile e Maggio, nel pieno della stagione degli asparagi, nella tavola apparecchiata vedevo spesso questo piatto.

Dopo una lunga giornata di lavoro nei vigneti, raccolte qualche uova nel pollaio e sbollentati gli asparagi, la cena veniva servita.
ricetta-uova-asparagi-4La protagonista di questa ricetta è lei, nonna Antonia, classe 1928. Patrimonio inesauribile di affetto, amore, esperienza. Una donna, una moglie, una mamma, una nonna che ha sempre lavorato sodo per il bene dei propri cari.

Sicuramente tra le tantissime cose che porto con me sono proprio i colori e i sapori della sua cucina che sanno di tempi passati, di casa e di famiglia: le patate arroste nel forno a legna, la polenta fumante nel tagliere, il profumo del baccalà, i crostoli tirati a mano per il carnevale, le tagliatelle stese nel tavolo con la farina, gli gnocchi segnati con la forchetta…

Oggi, facendomi aiutare proprio da lei, voglio proporvi una ricetta nella stessa semplicità di quei tempi.

Non mi resta che cominciare.

ricetta-uova-asparagi-7

Ricetta uova e asparagi

  • Uova
  • Asparagi

ricetta-uova-asparagi-1Portare a ebollizione l’acqua in due pentole.

Pelare gli asparagi nella parte più esterna e legnosa con l’aiuto di un pelapatate.

In una pentola riporre gli asparagi precedentemente sciacquati e cucinare per 5-7 minuti, aggiungendo un pò di sale.

Nell’altra pentola immergere le uova ancora intere e lasciare rassodare per 10 minuti.

Una volta cotti scolare entrambi.

Raffreddare le uova, sgusciarle e tagliarle a metà.

Unire le uova agli asparagi in un piatto e condire con un pò di olio extravergine di oliva, sale, pepe.

ricetta-uova-asparagi-6

ricetta-uova-asparagi-3

C’è un nonno, una nonna, che forse non può più parlare, che è paralizzato, e il nipote o il figlio arriva e gli prende la mano, e in silenzio la accarezza, niente di più. Questa è la cura della vita.
Papa Francesco

Trackback from your site.

Lascia un commento